Contattaci: scrivi a info@inst-el.org oppure telefona allo 0427 908845 per qualsiasi richiesta.

Per motivi di organizzazione interna non è momentaneamente garantita una risposta telefonica. Vi invitiamo pertanto ad utilizzare il modulo "Contatto rapido" o la posta elettronica per informazioni e chiarimenti. Grazie.

Ci scusiamo per il disservizio.

Concluso con esito favorevole, l’intervento di potenziamento dell’illuminazione pubblica di Via Dalmazia nel Comune di Arba, segna l’inizio dell’era della modernizzazione fungendo da esempio per altre realtà della Comunità Montana Pordenonese.
L’opera, prevedeva l’installazione di 14 punti luce completi di armatura stradale a Led del tipo Ruud Led Ledway della ditta Ruud Lighting.

ILLUMINAZIONE CON MENO SPRECHI

Fonte: Messaggero Veneto 05 febbraio 2010 pagina 10 sezione: PORDENONE

ARBA. Nuova illuminazione con meno sprechi e meno manutenzione: è quella che da qualche giorno è stata installata lungo la strada comunale che da Arba conduce a Colle, nella zona degli impianti sportivi. L’impianto è costituito da 14 punti luce con tecnologia led di ultima generazione. Si tratta di una tecnologia che consente vantaggi in termini di elevata efficienza e durata. Inoltre la manutenzione è ridotta, in quanto il ciclo di vita dei led è di molto superiore a quello delle comuni lampade e il consumo di energia è notevolmente ridotto rispetto ad altre fonti luminose. Gli apparecchi a led presentano inoltre un basso impatto ambientale in quanto non contengono mercurio, durano più a lungo, non producono rifiuti (essendo realizzati con materiali totalmente riciclabili). «E’ stata una scelta che in un primo momento aveva sollevato qualche perplessità – ha spiegato il primo cittadino di Arba, Elvezio Toffolo –, ma il risultato ottenuto pare al momento avere cancellato lo scetticismo di molti rispetto a questa scelta, con evidente soddisfazione del tecnico progettista, lo studio Giacomello di Maniago, e della ditta esecutrice, la Inst.El. di Travesio». Il tratto di strada illuminato è lungo circa 500 metri, mentre il costo complessivo dell’intervento è di 43 mila euro, in parte (25 mila euro) finanziato dalla Regione nel capitolo della sicurezza. (l.v.)

I commenti sono chiusi.